Tentata rapina ai danni di un’anziana signora: arrestato dai Carabinieri

0

Tentata rapina ai danni di un’anziana signora; arrestato dai Carabinieri

Erano appena passate le 13:00 di ieri, Giovedì 24 Maggio 2018, che in via XXV Luglio di Cava de’ Tirreni, nei pressi del caseificio Bisogno, R. N. di anni 48, di origini rom, ma residente a Siano, con un’azione fulminea ha tentato di strappare la collanina d’oro che S. F., di anni 78, aveva al collo.
Il rapinatore, dopo aver bussato al campanello dell’abitazione della malcapitata, cardiopatica ed ipertesa, per chiederle degli euro da destinare all’ acquisto di cibo, resosi conto che l’anziana donna era sola in casa, senza alcun indugio, dopo aver ricevuto un euro, nel tentativo di strapparle la collanina d’oro, ha posto tutte e due le mani al collo della sventurata, ma la pronta reazione della nonnina, sebbene avesse riportato profonde escoriazioni al collo, e le urla conseguenti, hanno messo in fuga lo scippatore che è stato prontamente rincorso da un militare dell’Arma dei Carabinieri della Tenenza di Cava de’ Tirreni, libero dal servizio, presente in uno degli esercizi commerciali della zona il quale, supportato da due imprenditori del posto, in attesa del sopraggiungere dei colleghi agli ordini del Ten. Vincenzo Pessolano, all’uopo allertato, è riuscito a trattenere, in stato di fermo, il delinquente, che dovrà rispondere di tentata rapina aggravata, lesioni aggravate e violazione di domicilio.
Sentito il magistrato di turno, presso la Procura della Repubblica di Nocera Inferiore, R. N., stante anche i precedenti specifici, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Salerno, ove noi speriamo che ci resti per un bel po’.
Ancora una volta, un appartenente all’Arma dei Carabinieri, ma come è successo anche ad altri colleghi della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza e della Polizia Locale, sebbene libero dal servizio, non ha esitato dal fermare delinquenti, in flagranza di reato, per assicurarli alla giustizia.
L’unificazione delle quattro forze di polizia, in unica realtà nazionale, consentirebbe una maggiore presenza di tutori dell’ordine per strada: una sola caserma e non quattro, una sola utenza telefonica e non quattro, un solo piantone-telefonista e non quattro ecc. ecc.; speriamo che qualcuno che siede negli scranni capitolini ci pensi una volta e per sempre, come è nelle nazioni d’Europa a noi vicine e non solo.

Fonte: Livio Trapanese

Share.

About Author

Leave A Reply