Messaggi del sindaco – CAVA E’…CULTURA. L’IMPERATORE CARLO V RITORNA A CAVA DE’TIRRENI

0

CAVA E’…CULTURA
L’IMPERATORE CARLO V RITORNA A CAVA DE’ TIRRENI

Venerdì 21 giugno, alle ore 19 nell’Aula Consiliare del Palazzo di Città verrà presentato un documento inedito firmato dall’imperatore asburgico di privilegi per la Città de la Cava.
Sabato 22, alle ore 20, grande corteo storico per le vie del centro e alle 21, in piazza Vittorio Emanuele III, in scena “La venuta de lo ‘Mperatore”.

Quinta edizione del progetto storico culturale “Le vie di Carlo V”, curato dall’Associazione Pistonieri Santa Maria del Rovo, con il Patrocinio del Comune di Cava de’ Tirreni.
Saranno commentate e mostrate le immagini del documento originale ed inedito 1523 composto di oltre 70 pagine in cui l’imperatore a propria firma conferma i privilegi del 1460 della “Pergamena Bianca” e ne concede degli altri.
Interverranno il prof. Giuseppe Foscari dell’Università degli Studi di Salerno sul tema “La città, la società, la demanialità” e il dott. Francesco Totaro, membro della Rete di Cooperazione degli l’Itinerari Europei dell’Imperatore Carlo V.

Sabato 22 giugno, con partenza da piazza san Francesco, alle ore 20, grande corteo storico dell’Imperato, con la partecipazione del Centro Culturale “Einaudi” di San Severo (Foggia), il Corteo Storico del Palio della Città di Paliano (Frosinone), i Cavalieri del Giglio e i Pistonieri Santa Maria del Rovo. Centinaia di figuranti tra dame, cavalieri, armigeri e popolani percorreranno l’antico Borgo fino a via Sorrentino per poi raggiungere piazza Vittorio Emanuele III, passando per piazza Abbro, per il gran finale.
Alle ore 21 andrà in scena “La venuta de lo ‘Mperatore” con la regia di Giuseppe Bisogno, di cui anche il testo in collaborazione con Rossella Zagani e la supervisione storica- scientifica di Francesco Totaro e interpretato dagli attori professionisti Peppe Bisogno e Alfonso Liguori. Un viaggio nel tempo si ripercorreranno con tre scene i momenti più importanti del rapporto tra l’imperatore e Cava de’ Tirreni. Gli attori in costume d’epoca, un banditore che aggancia i vari episodi in un flusso continuativo, ed un narratore, a far da regista in scena e a diventare spalla e comprimario, che entrano ed escono dai personaggi, creandone altri attinenti alla ricerca storica, e che raccontano, anche in rime, aneddoti utili alla comprensione dei tre nodi chiave da rievocare ovvero la firma privilegi da parte dell’imperatore del 1523, i preparativi della città di cava del 1535, e l’accoglienza dell’imperatore.

Fonte

Vuoi ricevere sul tuo smartpone notizie come questa ed essere sempre aggiornato su Cava de’ Tirreni? Attiva Gratis il Servizio Whatsapp o Scarica gratuitamente Cavasmart, la prima applicazione sulla città di Cava de’ Tirreni!

Se hai Android clicca quì!

 

Se hai Apple clicca quì!

Share.

About Author

Comments are closed.