Messaggi del sindaco – CAVA E’…CULTURA

0

CAVA E’…CULTURA
NEL MONASTERO DI SAN GIOVANNI, LA COLLETTIVA “TRINITA’ “
Visitabile fino a venerdì 15 febbraio 2019

Domani, sabato 9 febbraio 2019, alle ore 18.00, in contemporanea con la rassegna fotografica “Robert Doisneau. Pescatore d’immagini”, verrà inaugurata, presso l’Unità del Gusto (pianoterra) del Complesso Monumentale San Giovanni Battista nel Borgo Grande di Cava de’ Tirreni, la collettiva di mini-personali “TRINITÀ”. In equilibrio perfetto”. Patrocinata dal Comune della città metelliana e organizzata dalle associazioni culturali InLibertà (Cava de’ Tirreni), promotrice di numerosi eventi su tutto il territorio campano, ed Edizioni Paguro (Mercato San Severino), questa mostra d’arte contemporanea, curata e allestita dal dottore Michele Citro (LibertÀrte, Lux e Estasi), presidente delle Edizioni Paguro e professore di Marketing e comunicazione presso il Valletta Higher Education Institute (VHEI), vedrà in esposizione ben 40 opere, tra pitture e sculture, di 6 artisti della Valle dell’Irno.

In ordine: Luigi Abate (1970), laureato all’Accademia di Belle Arti di Napoli e “seguace” della filosofia giacomettiana e baconia. Un artista curioso e poliedrico che subisce lo strano fascino di arcaiche culture animistiche. Peppe Cuomo (1957), laureato all’Accademia di Belle Arti di Napoli, allievo di Sgambati, Zevi e Jodice, con spettri materici misti (olio, acrilici, tempere, colle, collanti, mestiche e altri materiali industriali) elabora la sua “Creazione”: dal Ni-Ente all’Ente attraverso l’Essere. Nicola Della Corte (1943), allievo dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, formatosi sotto Striccoli, Verdecchia e Brancaccio. Fedele ai canoni rinascimentali di armonia ed equilibrio tonale e volumetrico, li rielabora, in senso contemporaneo, attraverso una pittura materica. Guido Marena (1941), una laurea in fisica e una carriera quarantennale come docente di matematica. Cultore e praticante d’arte, predilige la pittura astratta. Giuseppe Turi e Carmela Bisogno (1955 e 1954), diplomati all’Accademia di Belle Arti di Napoli, allievi di Alfio Castelli, affidano alla duttilità dell’argilla la loro interpretazione della trinità generando 4 proposte: Fede e Mistificazione, L’Errante, L’Abbraccio e Serenità.

L’esposizione sarà, gratuitamente, visitabile, tutti i giorni, da sabato 9 a venerdì 15 febbraio dalle 17.30 alle 21.00 (domenica aperta anche di mattina dalle 10.00 alle 13.00). Ad impreziosire l’evento, inoltre, una serie di appuntamenti culturali fra cui un reading poetico domenica alle ore 18.30.

Fonte

Vuoi ricevere sul tuo smartpone notizie come questa ed essere sempre aggiornato su Cava de’ Tirreni? Attiva Gratis il Servizio Whatsapp o Scarica gratuitamente Cavasmart, la prima applicazione sulla città di Cava de’ Tirreni!

Se hai Android clicca quì!

 

Se hai Apple clicca quì!

Share.

About Author

Comments are closed.