PIZZERIA NONNA NANNINA: Alla riscoperta della pizza “scopara”!!!

0

Parte dalla Pizzeria Nonna Nannina di Cava de’ Tirreni la riscoperta di una pizza storica del territorio
Una pizza che parla del territorio e della gente che lo vive, dei suoi usi e costumi. E’ il caso della ‘scopara’ che rappresenta e racconta la storia della località Annunziata di Cava de’ Tirreni. Questa, riportata recentemente in auge grazie alla passione e all’intuito di Pasquale Bisogno, pizzaiolo e proprietario della pizzeria Nonna Nannina della città metelliana, è una pietanza che racchiude un mondo, memorie e vissuti degli abitanti del luogo.
Stimolata la curiosità da parte del cameriere Salvatore De Rosa che spesso la menzionava, Pasquale Bisogno ha deciso di andare a fondo e di ricostruirne le origini.
Erano gli anni Ottanta quando Franco, chiamato da tutti ‘Francuccio ‘u scuparo’, un carbonaio dell’Annunziata, frazione della cittadina situata a sud-est del Monte Castello che tra l’altro comprende una bella chiesa risalente al 1506, chiedeva nella sua pizzeria preferita, La Talpa ai due Pini, un gusto del tutto personalizzato, una pizza a base rossa con grana padano, pepe, origano, basilico, peperoncino, prosciutto cotto, salsiccia e fiordilatte.
Il pizzaiolo del tempo lo accontentava sempre e decise di chiamare questa pizza ‘scopara’ e inserirla in menu.
Oggi questo ristorante pizzeria non esiste più ma la pizza è rimasta ben impressa nella mente e nel gusto di tutti coloro i quali abitano in zona.
Pasquale Bisogno la ha realizzata dando vita a una pizza caratterizzata da un gusto molto particolare e intenso. Oggi è nel suo menu in cui viene riportata anche la sua originale storia. In questo modo si è finalmente ritrovata la pizza che rievoca nella mente ricordi di infanzia e gioventù collegati a questo personaggio che rappresenta la storia e l’identità di un intero paese.
Si è creata così anche una forte connessione tra l’Annunziata e la zona di Sant’Arcangelo, una sorta di filo conduttore che unisce le anime di due paesi nella stessa città.

Share.

About Author

Leave A Reply